C6 Bank rilascia il riconoscimento facciale per le transazioni in-app

C6 Bank ha ora un ulteriore livello di protezione per le transazioni eseguite nell’applicazione. Ora, l’app può chiedere al cliente di mostrare il viso in modo che venga eseguita l’autenticazione biometrica facciale e la transazione venga eseguita. Questo ulteriore livello di protezione si attiva secondo regole prestabilite dalla banca, che raccolgono una serie di variabili.

La misura è stata adottata per aumentare la sicurezza dei clienti. Con lo strumento di autenticazione basato sul rischio, C6 Bank può attivare la biometria facciale, una tecnologia che utilizza la fotocamera del cellulare per riconoscere il volto dell’utente, in transazioni come TED, TEF, Pix e pagamenti di valore.

È probabile che ti piacciano anche:

C6 Banca: come effettuare un deposito sul conto corrente bancario

Come investire in criptovalute presso C6 Bank

C6 Payroll: scopri il prestito bancario C6 e vedi come fare domanda

C6 Bank adotta il riconoscimento facciale come misura di sicurezza

Se nei dati biometrici viene visualizzato un volto diverso dal proprietario dell’account, l’app verrà disabilitata in modo permanente su quel dispositivo. “Qualcuno potrebbe farsi rubare il dispositivo e ottenere la password dell’app e la password transazionale, ma non potranno apportare modifiche all’account”, spiega José Luiz Santana, responsabile della sicurezza informatica di C6 Bank.

Un sondaggio Ipec/C6 Bank, condotto nell’ottobre 2021, ha rilevato che un brasiliano su cinque salva le password personali nel taccuino del cellulare. Sequenze numeriche (come 1234 o 123456) sono già state registrate dal 10% delle persone nel campo password e il 17% ha già scelto la propria data di nascita come password.

C6 Bank investe costantemente nella sicurezza della propria applicazione. Sin dalla fondazione della banca, il team di sicurezza dell’istituto ha partecipato a tutte le fasi di sviluppo di ogni prodotto e funzionalità inclusa nell’app, dall’ideazione alla consegna.

Strumenti che garantiscono la sicurezza del cliente

Nel processo di apertura dell’account, la biometria facciale viene utilizzata per dimostrare l’autenticità del proprietario dell’account. La banca chiede alla persona di registrare il proprio volto, scansionare il proprio documento e fornire dati personali. Dall’incrocio di queste informazioni, C6 Bank verifica se il cliente è se stesso.

Se la conferma non avviene automaticamente, viene emesso un segnale di avviso e il processo di apertura del conto viene interrotto fino a quando non viene verificata l’incongruenza. La biometria facciale è accompagnata dalla funzione di vivacità (prova di vita), che consente all’ente di capire se la persona che richiede l’account è effettivamente una persona che impugna il cellulare e non una foto, ad esempio.

La banca impone inoltre barriere di sicurezza per impedire a terzi di accedere al conto del cliente. C6 Bank è stata la prima banca del paese ad adottare la biometria facciale per autorizzare l’utilizzo dell’app su un determinato dispositivo. Attraverso un processo chiamato attivazione sicura del dispositivo, la banca chiede ai clienti di inserire la propria password a sei cifre e di eseguire il riconoscimento facciale ogni volta che accedono all’app della banca con un nuovo telefono cellulare.

In caso di furto o smarrimento del cellulare con app C6 Bank installata è possibile bloccare in pochi minuti l’applicazione banca chiamando il call center (al numero 3003 6116, per i capoluoghi e le regioni metropolitane, oppure 0800 660 6116, per altre località). Devi inserire il CPF e la password di sei cifre utilizzata per accedere all’app.

Dopo aver fatto ciò, il cliente sentirà immediatamente il seguente messaggio: “se il tuo cellulare o la tua carta C6 è stato smarrito o rubato, inserisci 5”. Dopo aver digitato 5, l’app e la carta verranno automaticamente bloccate e la chiamata verrà reindirizzata a un operatore umano.

In caso di smarrimento o furto della carta di credito, C6 Bank consente inoltre al cliente di bloccare la carta per l’utilizzo nell’applicazione propria della banca. Basta andare nella sezione “Carte” dell’app e attivare la modalità “bloccato” nel campo che si trova appena sotto l’immagine della carta, accanto al lucchetto. In seguito, se il cliente trova o recupera la carta, ad esempio, e vuole sbloccarla, basta accedere alla stessa sezione e sbloccarla proprio lì, sul posto.

Ad ogni modo, vuoi essere sempre aggiornato su tutto ciò che accade nel mondo della finanza?

Allora seguici sul canale YouTube e sui nostri social come Facebook, twitter, Twitch e Instagram. Quindi, seguirai tutto ciò che riguarda banche digitali, carte di credito, prestiti, fintech e questioni relative al mondo della finanza.

Immagine: Studio postmoderno / Shutterstock.com